Sono le 7:20 di martedì 12 giugno 2012. Sto lavorando al computer e tengo, come spesso, Facebook e Twitter a farmi compagnia, come fossero una versione moderna della vecchia telescrivente Ansa. Mi appare una nota di Vasco Rossi, la leggo e se na va un altro pezzo...