Il vicepresidente della Commissione Ue: «Nell’affrontare i rischi, dovremmo distinguere tra attività di finanzia tecnologica su piccola scala e iniziative globali»

Il vicepresidente della Commissione europea Valdis Dombrovskis, illustrando gli argomenti trattati dai ministri dell’Ecofin a inizio novembre, ha annunciato che è stata discussa anche la questione criptovalute «in vista delle conclusioni del Consiglio europeo», attese per dicembre sull’argomento.

«È opinione diffusa che per competere a livello globale, l’Europa dovrebbe essere più stringente sull’innovazione tecnologica, anche nel settore finanziario». La tecnologia offre opportunità di pagamenti economici e veloci, ma – ha continuato Dombrovskis – «allo stesso tempo, dovremmo anche considerare i rischi. Nell’affrontare i rischi, dovremmo distinguere tra attività di finanzia tecnologica su piccola scala e iniziative globali».

«Libra, ad esempio, è un campanello d’allarme per le istituzioni europee e per il mercato. Indica che sì, chiaramente, c’è un gap nell’offerta di pagamenti veloci ed economici. Questo è ciò su cui dovremmo lavorare».

Affinché l’Ue abbia un ruolo guida serve un approccio comune degli Stati membri in merito alle “crytpo-assets”, garantendo la certezza legale. «Non uccidere, ma sostenere l’innovazione e affrontare i rischi in modo proporzionato» – ha concluso il vicepresidente della Commissione Ue.

Tags: , , ,

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

VUOI ESSERE INFORMATO SULLE ULTIME NOVITÀ O RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI DAL BLOG? INSERISCI LA TUA EMAIL, ACCETTA I TERMINI (PRIVACY) E CLICCA SU "ISCRIVITI".

Accettazione dei termini della newsletter

Grazie! Controlla l'email che hai inserito per confermare l'iscrizione.

Pin It on Pinterest